Fantasmi a Torino – Torino Ghost Club

Una sera stavo osservando Torino dall’alto. La sottile linea che divide il giorno dalla notte varia a seconda delle stagioni. È il momento che preferisco perché la città sembra entrare in un’altra dimensiona fatta di luci e di ombre.

Guardando le prime luci delle case che si stavano accendendo, i lampioni stradali color ambra, ho spostato lo sguardo sulle zone buie e ho pensato ai fantasmi, a tutte le storie che dagli anni Novanta ad oggi ho sentito raccontare.

Storie di presenze, di spettri, di esperienze incredibili testimoniate da persone credibili, insospettabili. Per carità, non che raccontare storie di fantasmi sia un reato ma, gli abitanti di Torino, sono sempre reticenti e riservati su certe cose.

I fantasmi non esistono, certo. E allora perché la gente li vede? Perché abbiamo paura a stare in una casa che dicono sia infestata dagli spettri. Abbiamo paura di qualcosa che non crediamo possa esistere?

Non solo nelle case, nelle ville, negli antichi palazzi ci sono i fantasmi. Queste entità si possono manifestare anche per strada e nelle vie di Torino. In certe zone, soprattutto, non è poi così difficile incontrarli.

Io personalmente penso di averne incontrato uno in pieno giorno, in centro, in via Carlo Alberto. Forse.

Era un luminoso mattino di tarda primavera di qualche anno fa. Stavo camminando nei pressi dell’incrocio con via Giolitti quando mi sono fermato per rispondere ad un messaggio sul telefonino.

In quell’istante mi si è avvicinato un signore, apparso dal nulla. Dimostrava una sessantina d’anni o poco meno, statura media, capelli bianchi molto corti con un taglio aderente alla forma della testa, baffi ben curati, occhi scurissimi. L’uomo indossava, nonostante il caldo, un lungo e pesante cappotto di panno completamente nero abbottonato fino al collo; emanava un buon profumo di sapone di Marsiglia e borotalco.

Quel signore mi guardò fisso negli occhi e senza tanti preamboli mi raccontò la sua storia. Una storia triste.

Mi disse che da pochi mesi l’impresa per cui lavorava lo aveva licenziato. Si era trasferito decenni prima da un paese del Sud Italia a Torino, dove viveva con la famiglia in una casa a San Salvario.

Poi fece un gesto che ricorderò sempre: mi fece vedere le mani dicendo che il lavoro gliele aveva ridotte in quel modo. Aveva  i palmi completamente bianchi, come se fossero saponificati, non si vedevano i solchi e neppure le impronte digitali.

Alla fine mi chiese se avevo qualche spicciolo da dargli per comprare la bombola del gas che era finito.

Feci per mettere mano al portafoglio ma, nel batter di un ciglio, quell’uomo si era dileguato senza lasciare traccia.

Rimasi interdetto. Rivolsi lo sguardo davanti e dietro, a destra e a sinistra, ma niente. Tornai sui miei passi per vedere se era entrato in qualche bar o negozio ma era letteralmente  scomparso nel nulla.

Chi era? Un fantasma? Non lo so, a me piace pensare di sì.

Nei giorni successivi provai a fare lo stesso tragitto e prendere qualche via nei paraggi per vedere se lo incontravo di nuovo. Le mie ricerche non ebbero mai esito, almeno fino ad ora.

Questo episodio però non è nulla in confronto alle storie che in questi anni ho raccolto a Torino e che vi racconterò.

Se avrete la pazienza e il piacere di leggerle scoprirete una città dove i fantasmi sembrano essere di casa; a volte sono entità tranquille e pacifiche, altre volte spaventose.

Il lasso temporale delle successive storie partirà dal 1995 fino ad ora.

Alcune storie saranno testimonianze dirette, altre verranno romanzate ma sempre con un fondo di verità

Un modo inconsueto per scoprire e riscoprire Torino.

Su Facebook è da poco attivo il gruppo Torino Ghost Club, lo trovate cliccando qui

Se ti va di raccontarmi la tua storia e vederla pubblicata puoi scrivermi a gianlucamarinostorie@gmail.com

2 pensieri riguardo “Fantasmi a Torino – Torino Ghost Club

  1. Sicuramente non me ne perderò nemmeno una! Anche se forse non riuscirò a dormire la notte…

    Piace a 1 persona

    1. Gian Luca Marino - Storie 12 settembre 2018 — 16:46

      Spero proprio che non riuscirai a dormire… .-) grazie e un saluto

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close